Blog per l'informazione sulla salute ed il benessere. Conoscere per vivere meglio.

Categorie Articoli
infoSaluteApparato respiratoriofaringe, laringe e trachea

faringe, laringe e trachea

Possiamo immaginare la faringe come un canale verticale, chiuso in alto e continuante in basso nell’ipofaringe ed esofago. Su di essa si innestano la cavità nasale (qui la faringe prende il nome di rinofaringe) e la bocca (qui si parla di orofaringe). Davanti all’ipofaringe è posta la laringe, principale valvola di separazione fra apparato digestivo e respiratorio.

Rivestita di mucosa ricca di tessuto linfatico e dotata di cellule ciliate, la faringe è la principale porta d’ingresso al mondo esterno. Vi transitano il cibo e l’aria che respiriamo.
La rinofaringe accoglie l’aria già umidificata, depurata e riscaldata dal naso: avviene qui la prima formazione di anticorpi, quando l’aria incontra i follicoli linfatici raccolti nelle “adenoidi”.

Esse si sviluppano nei primi anni di vita per poi lentamente regredire nella giovinezza. L’orofaringe continua la funzione di difesa linfatica del rinofaringe. Vi provvedono principalmente le tonsille palatine, costituite da cripte entro le quali la produzione di anticorpi avviene per il contatto con il cibo. La faringe, infine, grazie alla sua muscolatura,
presiede alla funzione di spinta del cibo nell’ipofaringe ed esofago.

Laringe e trachea costituiscono il canale rigido che convoglia l’aria ai polmoni. In più le corde vocali, due tesi nastri biancastri contenuti nella laringe, chiudendosi in espirazione, permettono, a seconda della loro tensione, l’emissione di parole e suoni.

Quali sono i fattori di rischio della faringite?

Si comprende facilmente come qualsiasi agente patogeno non “fermato” dalla barriera linfatica possa causare infiammazioni al faringe. Si tratta di batteri, virus, ma anche di polveri e fumi presenti spesso nell’aria che respiriamo. Irritazione ed infiammazione della mucosa possono inoltre essere causati da agenti endogeni quali il succo gastrico in caso di reflusso gastro-esofageo.

Come si interviene quando i bambini soffrono di adenoidi?

Innanzitutto soffrire di adenoidi significa avere due differenti quadri clinici:

  • un semplice ingrossamento diffuso del tessuto linfatico rinofaringeo, legato ad un “superlavoro” dello stesso , cui consegue naso chiuso, respirazione orale, otiti recidivanti, russamento e, col tempo, anche malformazioni buccali;
  • un ingrossamento ed infezione del tessuto adenoideo, quindi una adenoidite, caratterizzata anche da febbre e rinosinusite.

Elemento comune delle “adenoidi” è dunque una ostruzione nasale posteriore, per ridurre la quale a poco valgono spesso i presidi farmacologici introdotti nel naso. E’ più importante agire per via sistemica con l’uso di immunostimolanti (vaccini anticatarrali, spesso per più anni di seguito e nelle stagioni intermedie), ricorrendo a cortisonici ed antibiotici nelle infezioni acute.

Quando le infezioni e la stenosi nasale si ripetono nonostante le cure mediche praticate, talvolta con l’associarsi di otiti o diminuzione dell’udito, occorre programmare l’intervento di adenoidectomia. Questo comporterà la degenza di una sola notte in ospedale e
viene eseguito in anestesia generale.

La laringe è l’organo che viene colpito da varie patologie, dalla semplice infiammazione fino al tumore, come mai?

 Come visto, l’aria che transita per la faringe viene convogliata nella laringe e nella trachea. Tutti gli agenti patogeni, i fumi ed i gas irritanti per le vie respiratorie possono potenzialmente dare infiammazioni od infezioni alla laringe. I tessuti prossimi alle corde vocali sono particolarmente sensibili a questi insulti e reagiscono col gonfiore,  l’arrossamento e, progressivamente, con la degenerazione tumorale.

Per quest’ultima vale la pena di ricordare che è molto più frequente in pazienti con sofferenza epatica cronica legata all’abuso di alcol proprio perché in loro viene meno l’assieme di difese fornite da quest’organo.
Le patologie che coinvolgono la laringe possono peraltro interessare anche la contigua ipofaringe, appartenente all’apparato digestivo.

Ecco i sintomi descritti più frequentemente dai pazienti e che devono allarmare i sanitari se perdurano oltre una settimana:

  • disfonia: alterazione del timbro vocale (abbassamento, mutazioni del timbro, bitonalità)
  • dispnea: fatica nell’inspirazione, rientramento della pelle al giugulo durante l’inspirio (“tirage”), rumore roco nell’inspirazione (“cornage”)
  • disfagia: difficoltà nella deglutizione;
  • scialorrea: aumento della salivazione;

Dobbiamo infine ricordare come le corde vocali siano innervate dai nervi laringei inferiori che nel loro decorso nel collo e nel mediastino superiore (il sinistro) entrano in stretto contatto con organi le cui patologie potranno manifestarsi anche con disfonia:

  • tumori dell’apice polmonare sinistro;
  • tumori del mediastino;
  • tumori dell’esofago o patologie cardiache

possono dare come primo sintomo una disfonia!

Quali sono le terapie per combattere le faringiti?

Le forme acute si avvalgono di antibiotici, antinfiammatori e balsamici; per quelle croniche una terapia specifica non esiste, trattandosi di affezioni nelle quali rivestono un ruolo determinante fattori di tipo costituzionale o malattie di altri organi od apparati: si dovranno abolire gli stimoli irritativi esterni.

Nelle forme catarrali ed ipertrofiche è utile la terapia termale inalatoria sulfurea mentre nelle atrofiche è più indicata quella salsoiodica.

Quali terapie sono consigliate per le laringiti e tracheiti?

Anche per le laringiti vale la distinzione fra acute (anche qui indicati antibiotici, aerosol con mucolitici e cortisonici) e le croniche, in cui dovremmo eliminare gli irritanti esterni, il fumo  e gli abusi della voce (eventualmente indirizzando il paziente alla rieducazione logopedica), correggere le carenze vitaminiche e gli squilibri metabolici (gotta, diabete, insufficienze epatiche).

Spesso in farmacia vengono richiesti il cortisone per uso inalatorio per il mal di gola e la tosse soprattutto per i bambini. Questo farmaco è certamente adatto per tali quadri clinici. La visita di uno specialista si imporrà alla persistenza dei sintomi, spesso sostenuta da situazioni patologiche concomitanti che andranno via via corrette.

fonte: farmarca

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *